Blog

La Caravella, si!

Vogliamo festeggiare con te il nuovo sito della Caravella con una offerta S-T-R-E-P-I-T-O-S-A che sarà valida per tutta l’estate, fino ad esaurimento delle stanze disponibili!
Abbiamo selezionato alcuni giorni “ORO” che ti proponiamo con uno sconto travolgente del 50%!! Si, hai letto bene, in quei giorni paghi solo la metà! Le uniche condizioni sono di condividere questa promozione sulla tua pagina Facebook e di aggiungere un giorno (prima o dopo) pagandolo il prezzo normale di listino.
Per riepilogare:
1) scegli i due giorni “ORO” che preferisci (praticamente ne paghi solo 1)
2) condividi pubblicamente questo messaggio promozionale sulla tua pagina Facebook almeno fino al 10 settembre.
3) aggiungi il terzo giorno a tuo piacimento prima o dopo i giorni “ORO” (questo lo pagherai al normale prezzo di listino).

NOTA BENE:

  • chi ha già prenotato in quelle date, riceverà automaticamente lo sconto;
  • lo sconto si applica anche per prenotazioni più lunghe rispetto a quella minima della promozione.

Per facilitare la tua prenotazione puoi comodamente compilare il modulo qui sotto l’immagine.


Due ruote di tradizione e di amore

12 maggio: Ewan vince in volata a Cattolica la quinta tappa del Giro d’Italia 2021.
La tappa emiliano romagnola è partita da Modena ed ha avuto una lunghezza di 177 chilometri, completamente pianeggianti.
All’arrivo De Marchi ha conservato la maglia rosa.
Gli osservatori hanno definito questa tappa una ecatombe di ciclisti per via di una serie di cadute rovinose avvenute nell’ultimo tratto, fra Rimini ed il traguardo di Cattolica, in cui sono rimasti coinvolti anche alcuni dei favoriti della corsa.
Sport, passione, competizione: il ciclismo ha sempre scaldato il cuore dei romagnoli e al di là della gara più importante d’Italia, quello verso le due ruote resta un sentimento che continua a segnare un modo di vivere che si realizza tra la collina ed il mare, oggi come ieri.

BANDIERA BLU PER BELLARIA IGEA MARINA

Anche quest’anno la nostra città riceve il “MARCHIO DI QUALITA’ AMBIENTALE E TURISTICA” rappresentato simbolicamente dalla Bandiera Blu.
Per il tredicesimo anno consecutivo la Fee (Foundation for Environmental Education) conferisce l’ambito riconoscimento a Bellaria Igea Marina.
La Bandiera Blu rappresenta simbolicamente i grandi risultati ambientali raggiunti dalla nostra località, a partire dalle ottime e stabili condizioni di qualità delle acque di balneazione.
Questo riconoscimento internazionale è stato istituito dal 1987 e viene assegnato annualmente come marchio di qualità oggettivo ed autorevole in decine di paesi di tutto il mondo con il supporto di due agenzie ONU: l’UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente) e l’UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo).

Il dessert e la frutta

La frutta dovrebbe essere sempre l’ultima portata da servire in tavola.
Lo dice il “galateo” e lo consiglia anche la scienza, per via dell’effetto benefico che può portare la vitamina C, che poi si lega con il ferro presente nelle altre portate ecc..
Ma questo galateo cos’è?
La vera storia è che verso la metà del 1500 Galeazzo Florimonte, vescovo di Sessa Aurunca, ispirò un certo Giovanni Della Casa a scrivere un trattato sulle norme comportamentali e la buona educazione.
Questo trattato fu intitolato “Galateo overo de’ costumi” e la parola galateo fu inserita nel titolo dall’autore per rendere omaggio al suo vescovo Galeazzo il cui nome in latino è “Galatheus”.
Alla Caravella potete saggiamente seguire le indicazioni della scienza e del vescovo Galeazzo/Galateo, perchè a pranzo avrete sempre a disposizione un buon dessert e ottima frutta.

Buona festa a tutte le mamme!

La Festa della Mamma in Italia si festeggia la seconda domenica di maggio. Quest’anno è oggi, perciò facciamo tanti auguri a tutte le mamme italiane.
Oltre a noi festeggiano la mamma in questa data in un altro centinaio di nazioni nel mondo, ma in realtà sono oltre 30 le date diverse in cui da qualche parte si è dedicato un giorno di festa alla figura materna, dalla Norvegia a febbraio all’indonesia in dicembre.
In Italia la Festa della Mamma viene istituita ufficialmente a fine anni ’50 dopo che alcuni politici raccolsero l’idea venuta in mente al Sindaco di Bordighera per lo sviluppo della locale attività fieristica legata al commercio dei fiori.

Buona acqua per te

L’acqua è l’elemento fondamentale per il corpo umano.
Deve essere buona e deve essere sicura.
Ancora meglio se è sempre a portata di mano, alla temperatura che più ci piace in quel momento e possibilmente anche nella versione con le bollicine.
E’ consigliato berne un buon quantitativo ad ogni ora del giorno, in particolare in estate quando il caldo fa sudare e così disperdiamo importanti sali minerali.
Ma ne abbiamo bisogno in giusta quantità anche durante i pasti per favorire i giusti processi digestivi.
Oppure la notte, un bicchiere d’acqua prima di dormire è un vero toccasana.
Si l’acqua da bere è proprio da bere.
Alla Caravella è disponibile quando vuoi, come la vuoi. Da consumare al momento o da portare in tavola, da tenere in camera per la notte o per dissetarsi sotto l’ombrellone.
Il nostro impianto “Celli” collegato direttamente all’acquedotto eroga ottima acqua microfiltrata, garantita al 100% sia per il necessario apporto di sali minerali che per la sicurezza igienica e sanitaria.
E in più è buona, proprio buona!
(e gratis!)

Alici marinate

Le Alici marinate sono una delizia da preparare con passione e competenza.
La passione è quella che non può mai mancare in cucina, il rapporto d’amore con le pietanze, le materie prime e quel gioco infinito sui buoni sapori.
La competenza è l’abilità di compiere i gesti giusti, nell’ordine corretto e nei tempi necessari.
Per le Alici marinate, rigorosamente crude, la competenza è anche la conoscenza del rischio “anisakis”, un parassita comune dei pesci che può creare problemi anche all’uomo.
L’anisakis si sconfigge facilmente in due modi: con il caldo (cottura) o con il freddo (abbattimento/congelamento).
Ecco la ricetta che amiamo per le Alici fresche marinate.
Eviscerare e lavare le alici, asciugarle e trattarle con il freddo per il tempo necessario in base alla temperatura raggiungibile.
Dopo averle riportate a temperatura ambiente, adagiare le alici ben pulite aperte a libro in un contenitore e versarci sopra del buon aceto bianco di vino italiano ed un po’ di sale, meglio se quello iodato di Cervia.
Ripetere l’operazione più volte per fare tanti strati fin quanto ci sono Alici a disposizione e alla fine aggiungere aceto che le copra di un paio di centimetri.
Ora le Alici iniziano il loro viaggio di nozze con il sapore dell’aceto e del sale. Bisogna averne grande rispetto.
Coprire il contenitore con della pellicola e farlo riposare per almeno un paio di ore in frigorifero prima della loro destinazione finale: vassoio o piatto di portata.
Vanno servite sempre rigorosamente ben stese e ben ripulite da frammenti di lisca e di code, con un pizzico di sale e coperte di olio extra vergine di oliva 100% italiano.
La guarnizione che suggeriamo può andare dall’immancabile prezzemolo al peperoncino fresco, dalla cipolla fresca tagliata finissima al pepe, passando anche per la menta o l’aglio.
Quando le Alici sono ben marinate le puoi arricchire con qualsiasi cosa soddisfi i tuoi gusti.
Buon appetito.

I punti fermi dell’Estate

La stagione balneare in Emilia-Romagna partirà ufficialmente il 29 maggio.
Lo indica l’ordinanza regionale balneare 2021 che sancisce la contemporanea entrata in servizio dei bagnini di salvataggio.
La fine della stagione è prevista per il secondo weekend di settembre.
Le regole da seguire saranno più o meno quelle della stagione estiva 2020: mascherine da indossare negli spazi al chiuso, ombrelloni che dovranno occupare una superficie di almeno 12 metri quadrati, con una piccola deroga a 10,5 metri per le spiagge più piccole.
Una piccola novità dovrebbe arrivare dalla possibilità di collocare tavoli e sedie anche vicino alle cabine per
incentivare il servizio di delivery con la consegna di pasti caldi sotto l’ombrellone.
Vedremo.
Le spiagge libere non saranno completamente libere, ma a numero chiuso allo scopo di evitare assembramenti. Probabilmente si vedranno hostess e steward che accompagneranno i turisti in spiaggia e che avranno soprattutto il compito di presidiare gli ingressi.
Via libera ai giochi gonfiabili solo se i bambini potranno stare ad almeno un metro di distanza tra loro, con sorveglianza affidata ai genitori o alle tate. Due metri, invece, per le attività sportive, dai racchettoni al puddle al beach volley.
E’ importante quello che avverrà a partire dal 15 luglio: lo stop all’uso di plastica monouso, per rendere finalmente le spiagge “plastic free”.
Questo è il quadro generale di regole da seguire per la stagione estiva fissate dalla Regione.
Comunque i singoli comuni sono liberi di dare indicazioni ulteriori legate alle caratteristiche specifiche dei loro arenili.
La Caravella cercherà con piacere di tenervi informati.

Il cinque maggio

Esattamente 200 anni fa, il 5 maggio 1821 moriva Napoleone Bonaparte mentre era in esilio sull’isola di Sant’Elena.
A lui il nostro grandissimo Alessandro Manzoni dedica la famosa ode intitolata appunto “Il cinque maggio”.
La ricorrenza del duecentenario oggi sarà sicuramente citata nei Tiggì, sui quotidiani e soprattutto sui social.
Anche la Caravella farà la sua parte! anzi farà un regalo: questo è il link da cui scaricare l’ebook gratuito dell’ode manzoniana: https://tools.wmflabs.org/wsexport/tool/book.php?lang=it…
Per chi non lo sapesse, un ebook è un libro digitale che si sfoglia da PC o smartphone o altri dispositivi simili.
Condividete con gli amici questo link e sfidateli a rileggersi questo bel pezzo di cultura nazionale.
I più giovani ne avranno un ricordo scolastico, più o meno in simpatia.
I più grandicelli faranno forse un piccolo tuffo nel passato, perché a quasi nessuno può essere successo di non averci a che fare a scuola.

I “passatelli” tradizionali romagnoli

I passatelli in brodo di cappone o di pollo sono una straordinaria tradizione della Romagna.

E’ un piatto tanto semplice nei suoi ingredienti (pangrattato, parmigiano, uova, un pizzico di pepe, noce moscata e scorza di limone per l’aroma) quanto straordinario nel gusto.

In origine i passatelli, che sono di tradizione contadina, si preparavano utilizzando avanzi di altri cibi come il pane raffermo, il formaggio indurito, le uova ed il midollo delle ossa di bue.

Poi, come tutte le cose davvero buone, hanno avuto una loro evoluzione più raffinata grazie al pane bianco ed al parmigiano, che andavano utilizzati in uguale quantità, anche se poi in realtà nelle case dei ricchi il parmigiano era ben più abbondante rispetto al pangrattato.

L’impasto che si ottiene amalgamando gli ingredienti deve poi essere schiacciato con il “ferro”, un utensile dotato di fori piuttosto grandi da cui la pasta esce sotto forma di cilindretti piuttosto rugosi.

L’abile mano di chi prepara i passatelli taglia questa specie di spaghettoni ad una lunghezza che va dai 5 ai 10 cm, poi li mette a cuocere in un buon brodo di carne per qualche minuto. Il nome passatelli deriva proprio dal fatto che prendono forma dopo essere “passati” dai fori del ferro.

I passatelli possono essere serviti anche asciutti e conditi con sughi di verdura oppure di carne o di pesce, ma non c’è dubbio che la tradizione romagnola originale sia quella dei passatelli in brodo.